Corso A.F.M.  Corso C.A.T.  Corso S.A.S.R.  Corso P.A.I.

Pubblicità e informazione



PON- Fondi Strutturali Europei - Tutta la documentazione

Istituto di Istruzione Superiore "A. Volta" - Nicosia (En)

Ready for our lives in Lituania

La seconda annualità del progetto Erasmus+ KA2 Ready for our lives per l’Alessandro Volta di Nicosia si è aperta all’insegna del freddo polare della Lituania. Quì si è svolta la quarta mobilità dall’8 al 15 febbraio 2017, precisamente presso il liceo Sviesioji Gymnasium di Kedainiai una delle città più antiche del paese e centro chimico industriale concentrato nel settore della trasformazione mineraria. La delegazione italiana formata dalle tre studentesse Calandra Paola (III A AFM), Gaita Gloriana e Popolo Giovanna (II A AFM) e dalle docenti di inglese La Porta Maria Filippa e La Licata Maria è partita alla volta della Lituania ben equipaggiata e pronta a fronteggiare temperature molto rigide con punte di -15 gradi.

Il meeting, che ha avuto come tema principale i disabili e la loro inclusione nel mondo del lavoro, è stato introdotto dal workshop ‘In a different world’ ed è poi culminato nel bellissimo incontro a Vilnius con il parlamentare tetraplegico Justas Džiugelis  presso ilparlamento nazionale. Tutti i partecipanti hanno potuto riflettere sulla difficile situazione che vivono le persone in situazione di handicap e quanto ancora deve essere fatto in Europa per la loro inclusione. Il deputato lituano ha voluto che gli venisse illustrata la situazione italiana riguardante l’inclusione scolastica, e, avendo vissuto in prima persona la sua disabilità come elemento di separazione dagli altri, ha dichiarato che il suo impegno in politica sarà rivolto soprattutto all’emanazione di leggi a tutela del diritto allo studio dei soggetti svantaggiati ancora costretti a studiare in classi differenziali.

Gli studenti hanno visitato il grande complesso dell’azienda locale, la Lifosa Company che, da oltre cinquanta anni, produce fertilizzanti a basso impatto ambientale ed ecosostenibili. I prodotti vengono esportati in diverse stati europei e non, tra le quali spiccano Francia, Germania e Turchia. Sono stati visitati gli enormi depositi di fosfato e le colline formate dai prodotti di scarto che hanno creato un paesaggio quasi lunare usato in passato come set cinematografico.

Le alunne hanno ricevuto una calorosa accoglienza e ospitalità e hanno imparato molto da questa esperienza che sicuramente resterà impressa nella loro memoria.

Queste le testimonianze delle tre studentesse:

Paola: ‘Il piatto principale era la zuppa a base di patate, zucca, piselli o pomodoro. Calda, fumante e un po' speziata, penso che sia l’unico modo per riscaldarsi con quelle temperature. La scuola che ci ha ospitati è un vero monumento storico, lì è stata stampata la prima Bibbia in lituano. L’organizzazione della giornata scolastica è davvero sorprendente, le attività puramente teoriche sono sempre seguite da attività pratiche in cui gli studenti sono protagonisti.’

Giovanna: ‘E’ stato bello confrontare dati e quote d’inclusione di persone disabili nel mercato del lavoro nei diversi paesi europei in una lingua che è veicolo di comunicazione tra tanti idiomi diversi. La mia famiglia ospitante ha fatto di tutto per mettermi a mio agio e far sì che mi sentissi come a casa mia. Ho potuto apprezzare il loro piatto tipico Le Cepelinai: grandi “gnocchi” di patate ripieni di carne o formaggio, serviti in un piatto con salse che danno un sapore intenso, come panna acida e pancetta affumicata o funghi trifolati. Ne mangi uno e sei già sazia.’

Gloriana: ‘La nostra permanenza in Lituania ha anche previsto delle visite guidate a Kaunas e nella capitale Vilnius, due splendide cittadine che conservano ancora paesaggi fiabeschi. Abbiamo visitato due musei, quello dell’ambra e il museo del Diavolo di Kaunas, unico nel suo genere, ospita migliaia di sculture di diavoli ispirate da tradizioni e leggende antiche, con storie incredibili e leggende su queste creature degli inferi.’